blue divider

Broker Forex, CFD, Cripto come The Wolf of Wall Street

The Wolf of Wall Street con il Trading Cripto e CFD

Avete presente Leonardo Di Caprio che nei panni di Jordan Belford, nel film  The Wolf of Wall Street, che anima una sala di centinaia di persone che chiamano al telefono come forsennati per vendere prodotti finanziari spazzatura al fine di mettersi in tasca i risparmi della gente tra commissioni, pump and dump e altre pratiche molto discutibili?

Qual’è lo scopo di Jordan Belford in quel contesto?

E’ ovvio: intascarsi i soldi dei clienti. Parliamo di idraulici, medici, operai, casalinghe, piccoli risparmiatori inconsapevoli.

Lo scopo, la mission aziendale è prendere questi soldi e trasferirli dalle tasche dei risparmiatori alle sue.

Nel mondo dei CFD, del trading cripto e forex,  succede la stessa cosa ogni giorno, utilizzando altre modalità, ad esempio commissioni, swap, market making e ciò lo rende legale. (in Europa)

Ti ricordo infatti l’articolo precedente, sulla nascita ed evoluzione dei CFD, dove ti ho parlato del fatto che in America da anni i CFD sono vietati (un motivo ci sarà), e che lo stesso vale per il Belgio, Hong Kong, e altri paesi, il cui numero è sempre in aumento guarda caso.

 

Venditori Telefonici di Cripto e Forex

Ci sono queste sale enormi, piene di centinaia di venditori telefonici, che hanno il solo scopo di convincere a risparmiatori inconsapevoli ad aprire conti e far depositare il più possibile, far generare più operazioni possibili, di volume più elevato possibile. Il fine ultimo è guadagnare commissioni e arricchirsi alle spalle dei poveri risparmiatori vittime di persone molto capaci a manipolare e convincere al telefono.

Risparmiatori che depositando i loro sudati soldi, credono di poter guadagnare cifre assurde e cambiare vita facendo trading con le cripto o con il Forex, invece ciò che li aspetta è il fallimento assicurato e la disperazione generale.

Tutta questa enorme macchina è sempre in moto, sempre attiva, tutto ciò in  avviene in continuazione, anche ora, adesso, mentre scrivo e mentre tu leggi.

Il fatto è che in America, di fronte a fenomeni del genere, magari succede un po’ tardi, ma alla fine gli arrivano addosso. Infatti Jordan Belford ha fatto visita nelle patrie galere, in Europa invece questi meccanismi che trasferiscono in modo praticamente matematico i soldi dalle tasche dei poveri risparmiatori alle tasche dei venditori telefonici e broker di cript e forex, sono legali, rendiamoci conto.

 

Premi e Bonus

Le strane scene visibili nel film, come il tipo che si mangia il pesce, le urla folli dopo i discorsi motivazionali, i premi lanciati letteralmente in aria, sono cose che succedono veramente anche in queste sale europee presenti in vari paesi come Cipro.

Io come sai, ho fatto parte ahimè (in buona fede) del mondo dei CFD per una decade, ai miei tempi andava di moda fare trading sul Forex, oggi va di moda fare trading con le cripto, ma non è cambiato niente.

Io ho avuto modo di avere feedback diretti da chi ha lavorato in queste sale piene di venditori.

Per esempio, poichè si prentende una disponibilità 24 ore, sempre pronti a rispondere e richiamare potenziali “clienti”,  vengono messi in palio dei premi in denaro al primo venditore che risponde ad un determinato messaggio che l’azienda manda a tutti nel cuore della notte, e questi venditori telefonici passano notti insonni con il telefonino in mano, in attesa del messaggio, pronti a rispondere nella speraanza di essere i primi e mettersi in tasca i 5000 euro di bonus.

Ovviamente i bonus sono vari e disparati. Ci sono bonus per chi riesce a far depositare più soldi nell’arco di un mese, di una settimana o di un giorno. Bonus per chi riesce a fare il maggior numero di telefonate in 1 ora. Bonus per chi riesce a far generare ai suoi clienti più commissioni. Ci sono i tabelloni con le classifiche in bella vista nella sala, poi chi vince viene chiamato sul palco e premiato in denaro e con premi di varia natura, esattamente come avviene nel film. Esattamente uguale.

Un bonus per aver fatto guadagnare un cliente due spicci, quello non è previsto. In effetti che qualcuno guadagni veramente nel lungo termine, non è possibile, e loro lo sanno. Con i CFD i soldi alla lunga si perdono. Ogni trader che nell’immediato, guadagna, per il Broker è solo un investimenti a lungo termine e anzi fa gioco perchè serve a dimostrare a tutti che “guadagnare si può”, in realtà nel lungo termine, magari anche qualche anno, quel cliente perderà. Un trader che perde subito è un semplice incasso immediato, ancora meglio. Ovviamente gli verrà subito proposto di depositare ancora e ancora, con stupide promesse di recupero, facendo leva su meccanismi che sono esattamente gli stessi della ludopatia!

 

I Broker CFD Cripto e Forex sono una malattia del sistema finanziario

Questo è il modello di business. Se io lo chiamo cancro, malattia, piaga, c’è una ragione. Non è che me l’invento. Le cose stanno in questo modo e lo spiego in modo documentale, con prove e fatti nel mio libro FOREX – La Grande Truffa.

ECCO PERCHE’ DEVI FIRMARE LA PETIZIONE CHE TROVI QUI, OGGI, ADESSO, SUBITO.

Se non li fermiamo noi, non li fermerà nessuno. Dobbiamo far arrivare la nostra voce alle autorità e fargli prendere decisioni anche drastiche.

Non firmare significa avere sulla coscenza chi perderà i suoi risparmi finendo sul lastrico da domani, e caro lettore non pensare che non ti riguarda. Domani potrebbe abboccare qualche tuo familiare, magari tuo figlio, tuo nipote, tua sorella, tuo fratello, tuo padre.

Riguarda tutto e dobbiamo fare qualcosa!

Questo business è un business che rovina la gente e deve chiudere.

Che questi venditori si cerchino un lavoro vero, invece di convincere la gente ad investire i propri soldi in macchine mortali come i CFD di cripto valute e di Forex.

E’ ora di dire basta a questo scempio.

 

Condividi questo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post correlati

divider img

Vuoi raggiungere i tuoi obiettivi finanziari?

Scopri la finanza come non l’hai mai vista prima