L’altro giorno ho aperto due trade in hedging parziale a correlazione inversa e questa si sta già manifestando dimostrando come in questo modo la sicurezza del conto di trading si eleva.

I due cambi in questione sono EURNZD e NZDUSD

EURNZD

Sono intenzionalmente entrato short, contro il trend secondario, per coltivare un’operazione short sul trend secondario.

EURNZD D1

 

NZDUSD

Come contrappeso ho inserito un’operazione in stessa direzione (short – sell) ma su un correlato inverso NZDUSD, questo tipo di operazione è invece contro il trend secondario e a favore del trend primario.

Facendo in questo modo

1- ho ridotto l’esposizione sul dollaro della Nuova Zelanda

2- Eseguo un trade fondamentalmente diverso che mi aspettavo andasse in profitto in seguito perchè contro il trend secondario.

NZDUSD D1

 

USDCHF

Segnalo che continuo ad essere aperto su USDCHF, dove sono proprio sul prezzo di break eaven, guadagno il swap, quindi posso rimanere a mercato anche a lungo perchè mi conviene, ciò mi fa mantenere il take profit dov’è. Anche ci arrivasse tra 1 mese, 2 mesi o 3 mesi, non importa, vorrà dire che avrò guadagnato più swap nel frattempo.

USDCHF D1

 

US OIL

Sul petrolio americano sono quasi a metà strada rispetto al target in ottimo profitto. Un grande deal partendo da 7 dollari.

Nei prosismi giorni/settimane, ci sarà da decidere se terminare qui la nostra corsa, o proseguire. Il momento migliore per fare questa scelta sarà Martedì, il giorno prima rispetto al pagamento del triplo swap.

Ricordo infatti che nonostante con il mio Broker gli swap siano ridotti al minimo, tenere aperte operazioni sul petrolio comunque costa, pertanto se il prezzo dovesse fermarsi su questa area di resistenza indicata dal rettangolo, potremo decidere di chiudere l’operazione anticipatamente.

US OIL D1

 

A presto!

Stai lontano dai guadagni facili e ricordati che di trading non si vive!

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *